immagine FAQ

Faq

1 - La mia casa è il mio appartamento. Perché dovrebbe interessarmi far certificare e classificare il mio Condominio?

Perché il suo appartamento si trova all’interno del Condominio la cui qualità influisce sul valore del suo immobile e sul suo personale benessere. Se sulla qualità dell’appartamento non siamo disposti a transigere perché invece lo dovremmo fare su quella del Condominio che è sempre casa nostra? Solo perché la condividiamo con altri? E se tutti sappiamo valutare la qualità del nostro appartamento, perché è nostro, forse altrettanto non è vero se guardiamo al Condominio sul quale quindi può dare una mano importante il sistema di Certificazione e Classificazione Condominio 7 Stelle che, come un buon check-up, ci segnala i punti di forza e di debolezza del nostro Condominio consentendoci di intervenire per migliorarlo non solo ai nostri occhi ma anche a quelli del mercato.

2 - Siccome sono convinto che il mio Condominio sia in cattive condizioni che interesse ho a farlo certificare con il rischio che se ne evidenzino tutti i vizi e la classificazione sia molto bassa?

Rispondiamo con una domanda: Se uno pensa di non stare bene non si fa controllare sapendo che potrebbero emergere i problemi o invece, al contrario, sarebbe contento di potersi fare un bel check-up e individuare come guarire? Se non si conoscono poi a fondo i criteri individuati dal Politecnico è impossibile poter valutare a priori quale potrebbe essere il livello qualitativo che comunque, lo ricordiamo, può essere migliorato anche senza spendere un euro semplicemente adottando comportamenti e buone norme di gestione che il sistema è in grado di apprezzare.

3 - Perché da agente immobiliare dovrei apprezzare il rating “Condominio Sette Stelle” nel trattare un appartamento?

Perché la necessità di disporre ed offrire ai clienti un quadro informativo completo sulla qualità del Condominio è un requisito indispensabile per offrire un servizio professionale e la massima trasparenza in un momento, come quello della compravendita o dell’affitto di un’abitazione, fra i più importanti della vita.

4 - Perché la qualità energetica dell’edificio non viene valutata più importante degli altri criteri scelti dal Politecnico?

La qualità abitativa di un immobile non può ridursi alla sua prestazione energetica ma abbraccia un ventaglio molto più ampio di bisogni che le persone esprimono che meritano pari considerazione. Per questo motivo il protocollo del Politecnico ha valutato in maniera assolutamente paritetica tutte le componenti individuate , garantendo in tal modo un rating molto equilibrato e nel rispetto delle esigenze di tutti.

5 - Ho l’impressione che il sistema di rating sia più adatto alle nuove costruzioni piuttosto che a quelle già esistenti che rischiano di essere tutte classificate nella fascia più bassa data la loro anzianità e la loro scarsa qualità costruttiva ed energetica. E’ vero?

Assolutamente no in quanto se è vero che le nuove costruzioni adottano soluzioni tecniche e prestazionali superiori è anche vero che molti altri e di diversa natura sono gli elementi che il modello ha preso in considerazione facendo sì che anche nel caso di Condomini datati sia possibile raggiungere ottimi livelli di classificazione.

6 - In Condominio nessuno vuole spendere per fare lavori. Perché dovrebbero farlo per una certificazione?

Perché grazie alla certificazione del Condominio, che ha un costo decisamente irrisorio rispetto ai contenuti ed ai vantaggi che comporta, è possibile finalmente identificare un percorso di miglioramento e di valorizzazione che può essere intrapreso anche a costo zero dato che il sistema riconosce e premia anche comportamenti e scelte virtuose che non necessariamente comportano investimenti in denaro.

7 - Io non ho intenzione né di vendere né di affittare il mio appartamento e quindi non mi interessa in questo momento valorizzarlo. Perché dovrei adottare la certificazione “Condominio Sette Stelle”?

Perché conoscere lo “stato di salute” del Condominio è il primo presupposto per valutare come procedere a migliorarne la qualità a beneficio di un miglioramento della qualità della vita di coloro che vi risiedono che quindi non necessariamente deve essere collegato a una transazione immobiliare.

8 - Se volessi comprare un appartamento in un Condominio a che cosa mi servirebbe sapere che il Condominio nel quale si trova abbia più o meno stelle?

Le stelle nel nostro caso sono sinonimo di “qualità della vita” all’interno del Condominio e non di “lusso” come invece avviene per gli alberghi. Pertanto scegliere un appartamento in un Condominio con un maggior numero di stelle è indicativo di un complessivo maggior contenuto e di un maggior benessere abitativo presente in quel contesto.

9 - Abbiamo in previsione di investire nella costruzione di un nuovo Condominio. A che cosa potrebbe servirci farlo certificare?

In un mercato sempre più competitivo ed attento alla qualità del prodotto immobiliare è importante evidenziare e sottolineare in maniera autorevole ed oggettiva il contenuto qualitativo che il progetto e la costruzione hanno previsto, tenendo conto peraltro – come il modello suggerisce – anche dell’importanza delle dotazioni di prodotti e servizi di cui il Condominio, in maniera condivisa, può disporre a beneficio delle necessità dei suoi residenti. E questo non può che aiutare a valorizzare al meglio il prodotto e ad aumentarne la fungibilità.

10 - Che cosa si intende esattamente con indicatori ambientali, economici e sociali che fanno parte del vostro sistema di rating e perché sono state proprio queste le tre aree prese in esame?

Il sistema “Condominio 7 Stelle” del Politecnico di Milano ha declinato il concetto di qualità in questi tre ambiti con una focalizzazione sulla tipologia residenziale specifica rappresentata dal Condominio. La sostenibilità ambientale riguarda la qualità del contesto di inserimento, i consumi di risorse, la produzione e l’utilizzo di energia da parte dell’immobile mentre quella economica prende in considerazione l’efficienza della gestione del Condominio in tema di contabilizzazione dei consumi, di approvvigionamento energetico e idrico, di manutenzioni e dell’amministrazione. La sostenibilità sociale inquadra invece il profilo del Condominio rispetto al contesto dei servizi di zona, alla qualità delle soluzione tecnologiche e dell’edificio, alle dotazioni di prodotti e servizi ad uso dei residenti.

11 - Da Amministratore di Condominio quali sono i vantaggi che posso ricavare nel far certificare i miei Condomini?

Un primo vantaggio è costituito dalla possibilità che il sistema offre di mettere ordine nel corredo documentale obbligatorio dell’immobile che costituiscono buona parte di quel fascicolo del fabbricato e che possono essere conservati in un archivio digitale a disposizione di chi lo richiedesse. Il sistema poi aiuterebbe a evidenziare in maniera organica e affidabile le criticità presenti nei Condomini consentendo quindi all’Amministratore di lavorare di concerto e con la massima trasparenza con i Condomini su un percorso oggettivo, riconosciuto e premiato di miglioramento della qualità abitativa coerente con il modello previsto dal Politecnico, con una ricaduta positiva anche sul suo riconoscimento professionale.

12 - Come architetto sto progettando un nuovo Condominio. In che cosa potrebbe aiutarmi il sistema di rating “Condominio Sette Stelle”?

Nella fase progettuale il sistema consente di identificare in via immediata le caratteristiche costruttive e di contenuti che dovrebbero essere previste per garantire il più elevato livello di rating possibile nel rispetto di quelle che il Politecnico ha identificato come le migliori caratteristiche che l’attuale modello abitativo del Condominio dovrebbe possedere rispetto alle esigenze abitative espresse dal mercato.

13 - Quali sono le dotazioni che il sistema “Condominio Sette Stelle” considera e valuta all’interno del Condominio?

Il defibrillatore condominiale, il wifi condominiale, la casetta dell’acqua, l’assistente di condominio, la lavanderia a domicilio, la colonnina di ricarica dell’auto elettrica, il bike sharing condominiale ecc. sono alcuni esempi dei prodotti e dei servizi che il modello prevede e che sono destinati a rispondere sempre meglio a quella logica di aumento del benessere abitativo che deriva anche dalla presenza di dotazioni di questo tipo.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione dell'utente